Vigilanza Attività Commerciali ed Artigianali

La Polizia Municipale effettua il controllo sul rispetto della normativa in materia, con particolare attenzione alla “tutela del consumatore”

La vigente legislazione in materia di commercio in sede fissa si basa, sostanzialmente, sulla distinzione fra le grandi, medie strutture di vendita e gli esercizi di vicinato. Con quest’ultimo termine, si individuano gli esercizi commerciali fino a mq 150, la cui apertura è possibile utilizzando procedure semplificate per l’imprenditore . Per maggiori ragguagli in merito è però opportuno fare riferimento all'uffico competente

Alla Polizia Municipale compete il controllo sul rispetto della normativa in materia, con particolare attenzione alla “tutela del consumatore” e le verifiche sono particolarmente accurate per quanto concerne:

  • vendita a peso netto delle merci;
  • esposizione dei prezzi;
  • rispetto degli orari di vendita;
  • etichettatura dei prodotti alimentari;
  • corretto svolgimento delle vendite di fine stagione ovvero delle vendite promozionali o di liquidazione.

 

Vigilanza Commercio su Aree Pubbliche

La vigilanza è effettuata nei confronti dell'attività di vendita su aree pubbliche date in concessione o in forma itinerante

Consiste nell’attività di vendita effettuata su aree pubbliche date in concessione ovvero in forma itinerante.  L’attività di vigilanza viene esercitata con modalità analoghe a quanto previsto per il Commercio in sede fissa e particolare attenzione viene posta nel contrastare il fenomeno dell’abusivismo.

 

Vigilanza Pubblici Esercizi ed Attività Ricettive

La vigilanza è effettuata sull'attività di somministrazione di alimenti e bevande in strutture ricettive

Si tratta dell’attività di vigilanza effettuata sul corretto esercizio di attività di somministrazione di alimenti e bevande quali bar e ristoranti, stabilimenti balneari, alberghi e attività ricettive in genere, locali di trattenimento e svago quali discoteche, sale giochi e più in generale ogni attività che presta un servizio alla collettività di natura imprenditoriale.

Data la delicatezza dell’argomento anche in funzione di tutela della quiete e sicurezza pubblica nonché di tutela del consumatore è opportuno rammentare che diversi sono gli obblighi previsti da leggi e regolamenti ed ogni attività, anche di carattere accessorio, prestata in contemporanea a tali esercizi necessita di autorizzazioni o di conoscenza delle varie prescrizioni, per cui è sempre opportuno rivolgersi al Servizio Commercio del Comune per ottenere maggiori ragguagli.

Tra gli obblighi principali si rammentano:

  • necessità di avere ottenuto l’autorizzazione per l’esercizio dell’attività
  • obbligo di prestare il servizio a chiunque ne faccia debita richiesta
  • obbligo di esposizione dei prezzi
  • rispetto dei vari divieti in materia di somministrazione di alcolici, rumori ed eventuali disturbi alla collettività
  • rispetto della normativa di contrasto al tabagismo
  • obbligo di comunicare ed esporre al pubblico gli orari e le giornate di chiusura nonché preciso rispetto degli stessi
  • per le attività ricettive obbligo di comunicare alla Questura i dati dei soggetti alloggiati mediante l’apposita modulistica